NavigliToday

Darsena, tutto pronto per il bando sulla piattaforma galleggiante per gli eventi

Non più di 80 eventi all'anno e una concessione onerosa di oltre 50 mila euro annui di base d'asta

La Darsena di Milano

Un altro passo in vista della nuova piattaforma galleggiante in Darsena: la giunta di Milano ha definito le linee d'indirizzo del bando di gara, dopo l'approvazione - in consiglio comunale - del regolamento dell'area portuale.

La struttura, collocata sul lato di viale Gorizia, ospiterà manifestazioni ed eventi per due anni (e non tre, come dapprima proposto), per un massimo di 80 giorni all'anno. In questo modo l'amministrazione valorizza attività culturali e aggregative nello specchio d'acqua di Milano. "La Darsena - ha commentato Roberto Tasca, assessore al demanio - ha ora un quadro autorizzativo chiaro per tutte le concessioni, anche per quelle che verranno bandite da ora in avanti per gli esercizi commerciali che vi operano".

La piattaforma sarà al massimo di 168 metri quadri (24x7 metri). Il bando sarà rivolto ad operatori privati e la base d'asta sarà di 53.283 euro all'anno. Gli eventi dovranno concentrarsi preferibilmente in due weekend al mese, non consecutivi.

Il vincitore realizzerà e gestirà poi, per conto del Comune di Milano, strutture smontabili da allestire per un massimo di 80 giorni sulla sponda nord, cioè viale Gabriele d'Annunzio, per esposizione e vendita di fiori, quadri, libri antichi e artigianato, con un canone che sarà identico a quello determinato, al metro quadro, per la concessione principale della piattaforma. Infine, potranno essere installati schermi al massimo di tre metri per due.

L'idea: Darsena balneabile

E di recente si è parlato di rendere balneabile la Darsena: l'idea è stata lanciata da alcuni consiglieri comunali di diversi partiti che hanno anche chiesto l'autorizzazione per un tuffo collettivo "dimostrativo". L'autorizzazione però non è arrivata. Allora alcuni di loro si sono ugualmente tuffati, ricevendo una multa di mille euro ciascuno.

Successivamente il sindaco di Milano Giuseppe Sala ha commentato che l'idea della Darsena balneabile non lo entusiasma.

Le regole per la movida in Darsena

Nessun evento musicale potrà durare oltre la mezzanotte e l'area sarà controllata massicciamente dalla polizia locale. Queste alcune delle norme contenute nel regolamento approvato dal consiglio comunale. Della piattaforma s'è già detto: la concessione sarà biennale e la struttura verrà attivata non prima della primavera del 2018.

I ricavi della concessione saranno utilizzati soprattutto per la manutenzione della Darsena: solo per la raccolta dei rifiuti il costo è di circa un milione di euro all'anno.

Potrebbe interessarti

  • A Milano gli rubano la bici con cui sta viaggiando per il mondo, l'appello: "Aiutatemi"

  • Intolleranza al lattosio: come riconoscerla

  • Come avere i finanziamenti per riqualificare energeticamente la casa a Milano

I più letti della settimana

  • Appena arrivato a Malpensa inizia a tremare: muore 28enne 'mulo' del narcotraffico

  • Milano, due fratelli morti in una casa a Baggio: uno ucciso a coltellate, un altro impiccato

  • Morto il fumettista milanese AkaB, Gabriele Di Benedetto: aveva solo 43 anni

  • La notte folle di un uomo: fa sesso con una prostituta, poi ‘spara’, la rapina e si accoltella

  • Omicidio suicidio a Milano: ammazza il fratello a coltellate, poi si impicca al balcone di casa

  • Incidente a Zibido, si schianta alla rotatoria e l'auto si ribalta più volte: morto un 32enne

Torna su
MilanoToday è in caricamento