NavigliToday

Via Brioschi, processo per strage contro Pellicanò sarà con rito abbreviato

Il processo inizierà a giugno. Ammesse tredici parti civili. Le figlie sono state affidate ai nonni materni

Micaela Masella con Giuseppe Pellicanò

Si aprirà il 5 giugno il processo con rito abbreviato a carico di Giuseppe Pellicanò, indagato per strage e devastazione in merito alla palazzina di via Brioschi esplosa il 12 giugno 2016: lo stesso pubblicitario ha chiesto l'abbreviato. In seguito all'esplosione morirono tre persone: l'ex compagna Micaela Masella, che stava per andare a vivere con il nuovo compagno, e poi Chiara Magnamassa e Riccardo Maglianesi, la coppia di fidanzati marchigiani, studenti universitari, vicini di casa. Le figlie di Pellicanò e della Masella rimasero ustionate.

Il gup Chiara Valori ha ammesso tredici parti civili: le due bambine, i genitori e la sorella di Micaela Masella, i genitori dei due fidanzati, il fratello di lei. Le figlie di Pellicanò e della Masella, che avevano sette e undici anni, sono state poi affidate ai nonni materni.

VIDEO | Il palazzo di via Brioschi devastato dall'esplosione 

foto video esplosione via brioschi-2

La sera prima dell'esplosione, Pellicanò aveva svitato il tubo del gas della cucina: lui stesso lo ha ammesso in seguito ai giudici, aggiungendo di prendere abitualmente psicofarmaci. Una perizia ha stabilito che Pellicanò ha un "vizio parziale di mente".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Puzza a Milano, odore fortissimo invade la città: boom di segnalazioni. La spiegazione

  • Morto Manuel Frattini a Milano: infarto durante una serata di beneficenza

  • Milano, incidente tra un bus e un'auto in via Giordani: una donna in coma e due bimbi feriti

  • Il pusher gli vende la carta: lui lo scaraventa nel vuoto per ammazzarlo, tradito dal video

  • Sciopero generale a Milano, rischio caos per i mezzi: stop di 24 ore a metro, bus Atm e treni

  • A Milano inaugura TigellaBella: all you can eat di tigelle e gnocco fritto con salumi e formaggi

Torna su
MilanoToday è in caricamento