NavigliToday

Sgomberi programmati in via Gola a Milano, la linea dura della prefettura: 'Tornerà la legalità'

Lo ha dichiarato il prefetto dopo il vertice in corso Monforte di mercoledì 22 gennaio

Pompieri aggrediti in via Gola a Capodanno

"Opereremo al più presto su via Gola, perché non si ripeta più quello che è accaduto il 31 dicembre". Lo ha detto il prefetto di Milano, Renato Saccone, al termine del Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica che si è svolto in corso Monforte nella mattinata di mercoledì 22 gennaio.

Rogo di Capodanno: ecco chi ha aggredito i pompieri

"Il comitato si è riunito per esaminare la situazione di via Gola nel contesto generale delle occupazioni abusive del patrimonio di edilizia residenziale pubblica", ha precisato il prefetto. L'obiettivo è uno solo: quello di "riportare legalità in aree dove le occupazioni sono numerose. — ha continuato —. La legalità significa innanzitutto per noi restituire il diritto alla casa a chi ne ha realmente bisogno". "Come si è visto già recentemente alcune operazioni che nascono da interventi di polizia giudiziaria hanno portato a sgomberi mirati. Gli sgomberi saranno programmati — ha aggiunto il prefetto — nel momento in cui, ma al più presto, avremo l'insieme delle operazioni pronte, compreso l'avvio della rigenerazione, quindi l'occupazione giusta degli alloggi e una copertura minima essenziale per le effettive vulnerabilità".

Per il prefetto Saccone è fondamentale "rigenerare il tessuto sociale presente, con persone che hanno interesse e bisogno di una situazione decorosa, dignitosa per se stessi ma anche per il territorio. Noi abbiamo di interesse tutta l'area di via Gola e dobbiamo progressivamente portare ad una situazione di pieno controllo l'intera area — ha concluso —. Su questo le istituzioni e le forze dell'ordine hanno la determinazione e la compattezza giusta per affrontare e cercare di risolvere la questione".

Al vertice in prefettura hanno partecipato anche rappresentati di Palazzo Marino e della Regione. La vicesindaca Anna Scavuzzo ha precisato he Palazzo Marino "avrà ovviamente attenzione a tutte le situazioni di fragilità ma allo stesso tempo determinazione a mandare via chi non ha diritto a stare lì e anzi crea degrado e criminalità, bisogna ripartire insieme con un impegno sociale ed edilizio".

Secondo l'assessore alle politiche sociali della Regione, Stefano Bolognini, in via Gola "manca la legalità nelle case popolari ma anche fuori, ma abbinando interventi di rigenerazione e legalità il tessuto poi tiene, tant'è che le occupazioni abusive a Milano con questo modello sono diminuite anche in zone critiche. — ha spiegato —. Lo applicheremo in via Bolla, in via Gola, lo stiamo già applicando a Lorenteggio e andremo avanti perchè la strada è quella giusta".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, primi casi di coronavirus accertati in Lombardia: 38enne ricoverato a Codogno

  • Coronavirus, i casi sono 14: gravissimo un 38enne, in isolamento la moglie e un amico

  • Mafia, a Milano il prefetto chiude L’Antica pizzeria da Michele, storico locale napoletano

  • Coronavirus, i contagi in Lombardia salgono a 14: "Dobbiamo contenere il virus in quell'area"

  • Smog alle stelle a Milano, scatta il blocco del traffico: le auto che non potranno circolare

  • Grave incidente in autostrada A4, auto ribaltata: giovane 27enne rianimato sul posto

Torna su
MilanoToday è in caricamento